La filosofia della sua cucina, che è poi quella della sua persona, è sorprendente ed emozionante….raccontata con l’energia di un bambino che è riuscito a cogliere tutti i momenti della sua infanzia; dalle persone agli spazi, dalla luce agli odori di quella vita contadina carica di semplicità e basata sullo stare insieme, sulla totale condivisione della vita. Mi sembra che oggi Marco tutto questo ricordo ce lo vuole donare attraverso l’esperienza dei suoi piatti con un percorso sensoriale ma anche reale….di vita. L’occasione di stare insieme a lui per due giornate, organizzate dall’amico Emanuele Ferlicca di Perla Arredamenti insieme al suo staff, è stata un’emozione sorprendente per la semplicità dei racconti uniti alla sua maestria in cucina. Istantaneamente questi racconti appartengono anche alla mia storia, al mio percorso…una matrice semplice e passionale.